Fluidodinamica

Come un fluido scorri in me
Innervi i miei muscoli e li nutri
Elettriche sinapsi sveglie
Cariche di ossitocina, un eccesso inestimabile
Come un pasto dopo una lunga carestia
Sazi la mia mente impoverita dal passato
Come un bicchiere d’acqua freschissima
Disseti i miei inconsapevoli bisogni
Ora, ora lo riconosco
Il mio posto è al tuo fianco.

Il nostro amore

Ho visto il cielo ed il mare unificarsi in una sola retta
Il blu ha pervaso il mio spazio, condiviso insieme a te:
Nuotavamo in una sfera traslucida musicata dal maestrale.
Una fisarmonica ha cominciato ad intonare poesie d’amore
Ed insieme abbiamo composto una sinfonia
Piccoli e timidi passi, al centro di tutto, al centro di niente.

A piccoli sorsi ho bevuto le tue lacrime ed ho baciato i tuoi occhi umidi
Le mie viscere hanno sentito il bisogno di unione
Ho colmato ogni mio vuoto con il tuo corpo tremante, seppur forte.
Ho riempito le mie ore con le tue parole ovattate, seppur nitide.
Ho scolpito il tuo ridere sul mio petto
I tuoi baci sulle mie labbra

Il tuo amore
Il mio amore
Il nostro amore.

Monotematica

Monotematica
Sorgente di acque inquinate.
Malevolenza irradia la flora e la fauna
Come un sole capriccioso che non vuole scaldare

Uno specchio unidirezionale
Degli spettatori sconvolti
Dallo spettacolo sconclusionato
Pregno di metafore mortali

Muscoli intorpiditi, tremanti
Stomaco fragile, ribelle
Esofago ardente, riemerge tutto
Mente compressa, strepita
Occhi viaggiatori, sepolcri imbiancati

Elemosinano quiete.

Non sempre

Sento il declino emotivo impadronirsi della psiche conturbata ferita confusa stanca psicolabile antisociale distratta iperattenta accidiosa iperattiva silenziosa urlatrice.
Bramo sangue, bramo vendetta, bramo pace, bramo silenzio, bramo inettitudine, bramo caos, bramo amore, bramo passione, bramo e non bramo
Desidero e non desidero.
Amo e non amo.
Ordino la confusione per renderla elegante.

Io sono sempre io.
Io non sono sempre io.

“Ma il coraggio finisce qui, sulle pagine di un quaderno, pieno di bugie e chiuso dall’interno”

Bianco

Ho trovato una finestra
La luce immensa mi avvolgeva
Mi attirava, ma avevo paura.
Paura di dissolvermi in così tanto bianco.
Si sa, esso non è nemmeno un colore:
E’ la moltitudine di cromatismi che lo crea
E tali sfumature possono essere infinite.
-Non sai mai a cosa vai incontro quando ti avvicini al bianco-
Ma quella finestra era così magnetica
Ed ho deciso di entrare.

Che tremori,
Un vortice di sospiri
Dolcezza infinita
Gemiti animali e graffi
Virtù e empatia
Improvviso benessere.

Tanta agognata serenità
Ritrovata nella semplicità di un gesto casuale
Tanto agognato amore
Irrompe nella mia psiche
Distrugge i miei muri.

Tanto dolce, questo bianco
Il non-colore più bello del mondo.

Mio e tuo

Il mio tempo non è il tuo tempo
Il mio tempo è meteoropatico
Poche ore fa era sole veemente
Adesso è gelida pioggia
Affilata, ferisce.

I miei occhi non sono i tuoi occhi
I miei occhi sono indolenti
Talvolta si meravigliano
Adesso scrutano esasperati
Cercano invano, segnali impossibili.

La mia bocca non è la tua bocca
La mia bocca è cucita
Talvolta si schiude come begonia in primavera
Adesso è avvizzita
Si ritira morente, nel suo secco inverno.

Squarcio

Squarcio, seppur sommessamente
L’atmosfera ebbra di certezze.
L’equilibrio precario del dubbio,
E’ certamente più accattivante
Dei tuoi soliloqui egoisti.
Non sarà il pneuma a pezzi
Ad impedire l’esecuzione della mia sinfonia.
Non sarà questa pastoia di menzogne
Ad impedire il sorgere delle mie albe.
Non sarà questa deprimente rappresentazione
Ad impedire il contrarsi e il distendersi
Di questo mio piccolo nucleo intrepido.

Il primo bacio

Idilliaco
Benedetto istante
Le labbra si sfiorano
Per la prima volta
Si esplorano
Prima timide
Poi più audaci

La sensazione unica
Il contatto
La musica
Gli occhi parlano
Anche le mani
È tutto cosi perfetto
Cosa potrebbe mai rovinarlo?

È meravigliosa
La singolarità di questo intreccio
Non è replicabile
Solo le mie
Con le tue
Solo le nostre.

Morbidezza
Languide carezze
Calore
Lo stomaco brucia
Un tripudio
Di emozioni vorticose
Capogiri

Quanto è bello
Il primo bacio
Il modo in cui mi hai presa
E trascinata nel tuo oblio
Nella tua menzogna
Nel tuo gioco

Maledetto
Quel meraviglioso primo bacio.